antologia critica degregoriana. commento alla canzone d’autore // paolo jachia

francesco-de-gregori-la-donna-cannone-e-book-695770voci dal web su De Gregori
a cura di paolo jachia

(i crediti compaiono laddove ¨ stato possibile identificarli)

Anche stavolta, non avrete mica creduto davvero che si sarebbe parlato damore? De Gregori esorcizza il rumore di niente che scoppia nelle radio con un disco bellissimo, di lunghe ballate assolutamente lontane dai suoni di tutte le mode, soltanto il pianoforte, gli archi e strumenti acustici a sfiorare leggermente le parole del cantante che ondeggia tra i versi delle sue poesie. De Gregori non rinuncia al suo ruolo di maitre   penser della canzone italiana e come se niente fosse aggiunge altri tasselli alla memoria, senza scivolare mai nella retorica della banalit .
Narra il nostro destino di ogni giorno, lindifferenza che genera violenza e lepopea delle serene vittime di guerre sanguinarie, le disperanze di un qualunque gruppo di emigranti e la garrula fiera delle vanit  dei talk-show televisivi, lombra della paura che si intravede sempre intorno a noi. Le delicate canzoni damore sono intense e commoventi, come il sincero tributo a De Andr© con la famosa canzone per lestate scritta insieme a Fabrizio… e proprio alla fine, inaspettatamente troviamo pure lincantesimo sublime di una struggente canzone breve che © la summa della poetica musicale e della filosofia di vita del Principe: “…sempre e per sempre, dalla stessa parte mi troverai”. Un piccolo capolavoro.

Max Angelino

Non © tornato per stupirci, ma per trasmettere il sano gusto di fare musica. Francesco De Gregori si riconferma come uno dei pilastri della musica italiana, con un album nuovo intitolato “Amore nel pomeriggio”. Musica per parlare di sentimenti e approfondimenti esistenziali, senza per² omettere piccole sfumature culturali, che hanno sempre caratterizzato i lavori del cantautore romano. De Gregori non © cambiato, schivo nelle interpretazioni, si lascia per² andare nei testi a tratti seriosi e pi¹ spesso romantici. Un romanticismo che non © da travisare come mielosit  affettiva, ma pura speculazione intorno agli eventi della vita, sognanti in tutta la loro realt . “Amore nel pomeriggio” © prodotto dalla Sony Music e contiene undici tracce meditate con scioltezza: un’evidenza musicale segno di una professionalit  tipica dei grandi autori. Il brano che pi¹ far  parlare di s© © senz’altro “Il cuoco di Sal²”, dietro il quale non si nasconde affatto un messaggio politico n© tantomeno la pretesa di far cultura, ma semplicemente un’interpretazione pi¹ umana della posizione di coloro che furono protagonisti delle tristi vicende che interessarono l’Italia nel breve periodo della Repubblica sociale italiana, avente la sua capitale appunto a Sal². De Gregori ritorna a quel famoso autunno 1943, che vide l’Italia divisa in due entit  statali distinte, stato monarchico e fascismo risorto, l’un contro l’altro armati, e rilegge per la prima volta, con comprensione, i gesti di coloro che scelsero “la parte sbagliata”. “Qui si fa l’Italia e si muore”, canta De Gregori, dando vita a un testo che si presta a facili strumentalizzazioni lontane per² dalle intenzioni del cantautore, cui i panni di politico vanno decisamente stretti. Prodotto e arrangiato da Franco Battiato, “Il cuoco di Sal²” vanta l’accompagnamento musicale dell’Orchestra Sinfonica Giuseppe Verdi, diretta da Michele Fedrigotti, che ritroviamo anche al pianoforte e alle tastiere. Seconda traccia di “Amore nel pomeriggio” © “Canzone per l’estate”, scritta a quattro mani con Fabrizio De Andr© nel 1974, e inserita poi «in questo disco non per fargli un omaggio – spiega De Gregori – (Non ne ha bisogno e non so se gli piacerebbe). E’ solo una buona canzone che oggi, dopo tutti questi anni, sento un po’ pi¹ mia». Il testo © ironico e sbeffeggia il perfezionismo apparente, dietro il quale si celano le pesanti realt  che rendono impossibile il volo. Anche questo brano richiede un’attenta lettura che un primo ascolto non concede. Scorrendo tra le altre tracce dell’album, inciampiamo in uno dei brani pi¹ orecchiabili del cd, ossia “Cartello alla porta”, racconto di un uomo innamorato che si trova a vagare di notte prendendo «gli schiaffi e le botte del freddo e del vino», cosciente di aver perso un treno che non passer  pi¹, e «domani, domani chiss ». Da sottolineare anche brani come “L’aggettivo mitico”, che apre l’album, e “Natale di seconda mano”, prodotto e arrangiato da Nicola Piovani. Insomma non delude De Gregori, come aspettatamente rapisce la parte musicale, affidata in pi¹ occasioni a strumenti dalle corde raffinate, come archi e contrabbasso. Ad accompagnarlo in questo ennesimo viaggio troviamo Guido Guglielminetti al basso, Massimo Buzzi e Alessandro Svampa alla batteria, Paolo Giovenchi alla chitarra e infine Carlo Gaudiello alle tastiere. “Amore nel pomeriggio” © inoltre una produzione di Guido Guglielminetti. Unico appunto, che esula dal contesto musicale, © l’assenza dei testi all’interno dell’involucro del cd, indispensabili per un’attenta riflessione, che Francesco De Gregori merita.

Dylanizzazione. Orrenda parola, ma buona per dare un’idea del percorso artistico di Francesco De Gregori dalla met  degli anni ’80 a questo Amore Nel Pomeriggio (2001), che rimane tuttora l’ultimo suo album di canzoni inedite. Il suo amore per Bob Dylan ¨ ampiamente dichiarato fin dagli esordi, ma l’avvicinamento alle tematiche e allo stile musicale del padre dei cantautori avviene per gradi e solo dopo un certo numero di dischi, in cui invece prevale il lato intimistico e sentimentale. E’ il periodo pi¹ classico, quello del De Gregori “ermetico”, che culmina nel capolavoro Rimmel (1975).

Ma per quanto disseminata qua e l  di episodi un po’ grigi, ¨ molto interessante anche la fase successiva, quella in cui anche il poeta finalmente s’incazza, perch© proprio non ne pu² fare a meno, ma lo fa da poeta, senza mai cedere ad atteggiamenti di eccessiva durezza, e soprattutto lasciandosi sempre libera la scappatoia verso il mondo fantasioso e delicato della purezza dei versi, vero e proprio rifugio da raggiungere prima di avvelenarsi troppo nel racconto realistico e nella denuncia impietosa di ci² che non va nel mondo. Dylanizzazione quindi, ma mai completa, neanche in “Amore nel pomeriggio”.

Si parte subito con molto Dylan: “L’aggettivo Mitico” ¨ una ballata fatta di scarni ma tetri accordi di chitarra, con basso e batteria che entrano come sassate in una cristalleria, ma soprattutto con raffiche di parole cos¬ precise, pertinenti, velenose, che si stenta a credere che a declamarle sia la pacata voce di De Gregori. “Oggi si versa il vino, si spezza il pane duemila volte che canta il gallo… Socrate grida domande per strada e il Beato Angelico dipinge muri di periferia…”: ¨ una stupenda “Desolation Row” del Duemila: classicismo e degrado urbano, anatemi biblici e disastri ambientali. Durissima anche “Spad VII S2489”, un bel rock serrato, alla Dire Straits. Espone il cinico punto di vista del pilota di guerra, per cui “La terra era una parentesi tra una partenza e l’altra… quasi un’inutile perdita di tempo per cose di poca importanza”. Quanto ¨ lontano il romantico “Pilota Di Guerra” ispirato a Saint-Exup©ry, quello che “sparge sale sulle ferite delle citt “. I toni pi¹ pacati e la musica idilliaca di “Natale di Seconda Mano” non ingannino: affiora prepotente la disperazione degli “ultimi di tutto il mondo, piccoli fiammiferai”, di chi ¨ costretto a vivere arrangiandosi “con documenti di seconda mano”. Cos¬ come “Condannato a Morte” pu² sembrare una spensierata ballata un po’ country, ma proviamo a metterci nei panni del suo protagonista, sia esso Salman Rushdie o chiunque ¨ stato condannato a vivere per sempre nel terrore per motivi religiosi. “Religione pu² essere terrore” sar  pure la scoperta dell’acqua calda, ma andrebbe marchiato a fuoco su alcune teste fanatiche.

Ma la canzone che da sola giustifica l’acquisto del disco ¨ “Il Cuoco di Sal²”, e diciamo subito che di dylaniano non ha ha proprio nulla: melodia classica, pianoforte e orchestra d’archi, motivo cos¬ ispirato e toccante da ricordare i tempi della “Donna Cannone”. Nei bellissimi versi rivive solo il punto di vista di una persona semplice, un cuoco, che travolto da eventi pi¹ grandi di lui, si ¨ ritrovato al servizio dei gerarchi fascisti in fuga (“qui si fa l’Italia e si muore… dalla parte sbagliata si muore”). Come sia stato possibile scovare del revisionismo in un testo del genere non me lo so spiegare che in due modi: o una serie di elaboratissimi sofismi, oppure una robusta dose di cretinismo. Temo che la seconda spiegazione sia quella giusta, comunque all’uscita di questo disco qualcuno ebbe la faccia tosta di “scavalcare a sinistra” De Gregori, e non gli rese certamente un bel servizio. Non lo meritavano n© l’autore, sempre coerente con le sue idee, n© questo ottimo album, ma l’imbecillit , nonostante ci sia qualcuno che vocia e si agita per rivendicarne il copyright, in realt  ¨ trasversale e il suo trend ¨ sempre positivo.

Da dove arrivano le nuove canzoni di Francesco De Gregori? Probabilmente da una regione della nostra coscienza, da qualche luogo dimenticato o poco frequentato nell’era della globalizzazione. Per questo Amore nel pomeriggio ¨ una piccola cosa rara, un antidoto contro i malesseri della musica leggera in cui viviamo. Il filo comune dell’album ¨, probabilmente, l’esigenza di raccontarsi e di raccontare la vita che gira intorno. Eccoli, sfilare dinanzi i nostri occhi, i disperati aggrappati con le loro speranze a un gommone ( Natale di Seconda mano), eroi e antieroi del nostro passato prossimo e remoto (Il Cuoco di Sal ), il vuoto emesso dalla cultura (?) televisiva (Quando e Qui), le paure per un futuro senza identit  (L’Aggettivo “Mitico”).E poi c’¨ lui, ciccio, come ama farsi chiamare, un po’ Charlie Brown e un po’ filosofo, condannato alla vita, quindi Condannato a Morte, innamorato di Dylan e della poesia, mai autocelebrativo, chiuso in un perenne stato di riflessione amara, dolcemente presente come nella conclusiva e discreta Sempre Per Sempre. Il disco musicalmente profuma di America, ha qualche deviazione verso l’area Dire Straits quando le chitarre elettriche prendono il sopravvento. Ma contiene anche le due produzioni di Franco Battiato e Nicola Piovani, cos¬ ancorate alla nostra cultura popolare. Amore nel pomeriggio , per² ¨ soprattutto un piccolo grande affresco italiano; ¨ l’opera matura di uno scrittore che si fa musicista e cantante, di un uomo che confessa di essere alla Deriva e ci spinge a credergli, perch¨ in fondo lo siamo un po’ tutti noi. Che ci sentiamo chiamati in causa, e ci ritroviamo un po’ commossi nell’udire le parole del ritornello di Canzone per l’Estate (scritta 17 anni fa con De Andr¨): “com’¨ che non riesci pi¹ a volare?” canta De Gregori e alzi la mano chi non si sente parte di questa liturgia.

Alfredo d’Agnese

Francesco De Gregori ¨ oramai lombra di un fantasma che cammina, per usare le sue stesse parole nella storica “Marianna al bivio”, datata 1973. Allora il cantautore romano era appena agli esordi e si cimentava in metriche surreali e invettive scomposte, menestrello contemporaneo alla ricerca della propria posizione. Ora, nel 2005, a trentadue anni da quella frase cos¬ perfettamente evocativa, la musica che ci viene proposta ¨ un rock gentile, indolente e tendente alla litania, alla moda del Dylan post-76. La voce ¨ sempre in procinto di risultare monocorde, narrante, mentre la musica fluisce via, vecchia e completamente standardizzata.

A quattro anni dal contorto e irrisolto “Amore nel pomeriggio”, noioso ed eccessivamente autoindulgente, capace di appena un paio di fiammate “ “Il cuoco di Sal²”, in parte, cos¬ come in parte viene voglia di salvare dal disastro una dimessa cantata sconfitta come “Laggettivo mitico” “ e per il resto dimostrazione dellincapacit  di rinnovarsi e di mostrarsi adeguato ai tempi. Difficolt  a connettersi con la contemporaneit  che prorompe ulteriormente in “Pezzi”; basterebbe la mediocrit  senza speranza di revisionismo di un brano come “Tempo reale”, rock che avrebbe fatto gridare allo stantio anche Jerry Lee Lewis e Chuck Berry, per rendersi conto di come lurlo sinistro (sinistrato? sinistroide? sinistrorso?) contro i mali del nostro tempo “ condivisibili, per carit , non ci deve essere fraintendimento su questo “ risulti a conti fatti poco pi¹ che un guaito. Come si fa infatti a intendere, in un contesto simile, la parola musicale scissa da quella scritta e declamata?

E, partendo da questo presupposto, come si fa a non considerare negativamente un lavoro come “Pezzi”? Certo, c¨ un brano come “Parole a memoria” che fa tornare alla mente il miglior De Gregori, magari incapace di raggiungere i picchi che lo rendono uno dei giganti della musica cantautoriale italiana (non ai livelli di Battiato e De Andr©, probabilmente, ma sicuramente sopra a un Francesco Guccini, tanto per fare un nome a cui quello di De Gregori viene accostato per associazione di idee) ma comunque valida, ben costruita, con un testo non pi¹ indispensabile come al tempo che fu ma sempre acuto e la musica che gioca a occhi aperti con la ballata dylaniana “ quei minuscoli accenni allincedere e agli accordi di “Knockin On Heavens Door”, ad esempio -. C¨ “Parole a memoria”, si diceva, ma basta da sola a sorreggere e a dare motivazioni a un lavoro francamente trascurabile?

No, sicuramente no: purtroppo il rock di De Gregori ¨ materia morta, non ha nulla del nostro adesso ma non riesce a porsi come memoria del passato, sfida vinta in coppia con Giovanna Marini nel sottovalutato “Il fischio del vapore”. Eppure quando si respira aria demod© (come in “Le lacrime di Nemo “ lesplosione “ la fine”) si capisce che, se solo sapesse staccarsi da questo approccio musicale “ che tra laltro ha partorito solo gli album della fase discendente dellautore, dal pessimo “Miramare” al sufficiente “Canzoni damore” toccando il suo vertice nel comunque non esaltante “Prendere e lasciare” “ De Gregori potrebbe ancora dire molto, o comunque potrebbe dirlo senza dover essere considerato inadatto. Perch©, e credo che nessuno possa essere stupito da questo, “Il vestito del violinista” sar  sempre pi¹ sdrucito e meno elegante dell”Abbigliamento di un fuochista”.

Di solito, quando i critici affrontano il nuovo lavoro di un “mostro sacro” tendono sempre a gridare al “capolavoro”. Frasi come “…un nuovo gioiello ci viene regalato… e non poteva essere che cos¬!” si sprecano nel timore di suscitare l’ira delle moltitudini di fans. Oppure, al contrario, si cerca di distruggerlo proprio per andare controcorrente e distinguersi dal branco.

Nel mio caso non ¨ cos¬; non mi sono mai considerato un vero critico; semmai un esperto della materia con un notevole bagaglio di esperienza e i mezzi necessari per poter esprimere un’opinione relativamente oggettiva. Per questa ragione, nell’accostarmi al nuovo album di Francesco De Gregori non mi sento per niente intimorito dai trascorsi del “nostro” (che, peraltro, ho sempre considerato leggermente sopravvalutato) e ho cercato di individuare i pregi e i difetti di questo lavoro.

L’album si intitola “Amore nel Pomeriggio”, facendo un chiaro riferimento ad un famoso romanzo di Hemingway. La prima stampa ¨ in digipack, priva di fotografie e con solo un disegno in copertina.

L’Aggettivo Mitico apre l’album; ¨ un brano che, al primo ascolto, mi ha irritato per un ritorno al tipico stile degregoriano impressionista ed ermetico che aveva caratterizzato la seconda met  degli anni ’70. Quel forzare il testo in strofe non-metriche che stridono un po’ con la base musicale, per presentare un testo critico-cinico sui mali della societ .

Nonostante questo primo impatto, alcune espressioni sono particolarmente felici (“…e le radio delle ragazzine, dove scoppia il silenzio e ogni dedica si confonde”), mentre la frase-tormentone (“gli uomini col macete sui fuoristrada, gli uomini a piedi nudi lungo la strada”) mi sembra un po’ capziosa. Quello che si salva sempre (in tutto l’album) ¨ il tessuto musicale: scarno ma efficace, ben suonato ed inciso, crea atmosfere bellissime di forte impatto.

Nel 1975 Fabrizio De Andr¨, nell’album Vol.8, inserisce ben quattro canzoni scritte a due mani con De Gregori ed un brano scritto solo da quest’ultimo, quasi a ridare verginit  a quest’autore bistrattato e, in quel momento, rifiutato da quelle masse che l’avevano osannato nella sua fase pi¹ politicizzata. La canzone vincente era La Cattiva Strada; un’altra si chiamava Canzone per l’Estate.

In una sorta di celebrazione-ricordo dell’amico (e collega) scomparso, De Gregori incide una nuova versione di quest’ultimo brano. Poteva farne a meno: non mi piace assolutamente.

Il discorso cambia con Deriva, un classico brano degregoriano, pacato, poetico e semplice: bello.

Spad VII S2489 ¨ scritta da Guglielminetti (che ¨ anche il produttore dell’album) il quale ricalca le orme del “maestro” e compone un brano in stile De Gregori con un testo un po’ scontato sul pilota della prima guerra mondiale.

Il gioiello mi appare in quinta posizione: Natale di Seconda Mano ¨ una bellissima canzone sul tema dell’immigrazione clandestina che, senza forzare i toni, rende la malinconica rassegnazione di questo popolo “fuori”. Toccante anche nell’arrangiamento curato da Nicola Piovani.

Quando e Qui ¨ un altro brano scaturito dalla penna di Guglielminetti che, questa volta, centra il bersaglio con una filastrocca dal sapore coutry-westcoast.

Condannato a Morte comincia bene (anche se avrebbe potuto scriverlo chiunque: da Barbarossa a Bubola a Riccardi, ma lo avrebbero fatto molto meglio) e naufraga in un tragico inciso. Da cassare!

Il Cuoco di Sal² ¨ gi  un “caso”. Quando si parla di certi argomenti, gli opinionisti si scatenano. In realt , a parte l’ambientazione, il testo ¨ solo l’illustrazione di come la Storia possa scorrere sulla pelle dei piccoli uomini che continuano a vivere, pur travolti dagli eventi, mantenendo il contatto con le piccole cose di tutti i giorni. La frase pi¹ azzeccata? “Qui si fa l’Italia e si muore”. Il momento pi¹ vero? Quando il cuoco si chiede se gli Americani, che stanno arrivando, vorranno qulche cosa da mangiare. L’arrangiamento ¨ di Franco Battiato. Bello!

Cartello Alla Porta ¨ una ballata dal sapore country-western: la storia di un ubriacone da osteria, toccante nella sua semplicit : un altro bel pezzo.

Caldo e Scuro ¨ musicalmente bellissima, ma il testo ti scivola addosso senza mai riuscire a coinvolgerti; per² mi piace molto con i suoi sapori che stanno tra Dylan e Lorenzo Riccardi.

Sempre E Per Sempre, ¨ una di quelle canzoni che, come recita il testo, “lasciano il tempo che trovano”.

In definitiva: no! Non ¨ un capolavoro ma contiene alcuni gioiellini ed ¨, nella produzione di De Gregori, un buon album dai toni pacati e dalle atmosfere omogenee in cui quella che risalta meglio (e questo ¨ strano) ¨ la musica. Considerando le ultime prove di questo cantautore (in gran parte deludenti) questo nuovo lavoro potrebbe far sperare in una ripresa.

Furio Sollazzi

Pavia, 03/02/2001 AtomicMongo09/12/03, 18.40
1. Pezzi di vetro
2. Un ragazzo
3. Bufalo Bill
4. la casa di Hilde
5. Niente da capire

Ma ce ne sono a decine, drammaticamente tutte vecchie di almeno 20 anni. I primi 3 dischi sono, secondo me, capolavori, con buona pace di chi verr  a parlarmi di plagi e di bob dylan. Canzoni che hanno fatto la storia popolare di questo paese. Nel bene e nel male (nel bene).

Recensione bisillaba
Detto questo, ieri sera all Estragon ha fatto cacare, come al solito. Un complessino rock’n’ roll da balera del Rustichello(AP) che distruggeva sistematicamente e con scientificit  uno dei repertori piu belli della musica italiana. Volontariamente, perch¨ De Gregori ¨ uno che non sopporta che la gente gli canti le canzoni, quindi le smostra, le sbriciola. Solo che a differenza di Dylan, il risultato ¨ vuoto. Una aranciata fatta con arance gi  spremute. Un vino annacquato, deludente e inutile. Vi avrei fatto sentire *Niente da Capire* in versione rock, cos¬, o *cercando un altro egitto*. Canzoni vecchie di trent anni con le quali 4 generazioni si sono fatte del male fisico. Mi vengono in mente parole come sacrilegio,reato, volgarizzazione. Il problema ¨ sostanziale.Il (mio) problema a un concerto di De Gregori ¨ di Sistema. Canzoni memorabili, pezzi di storia della cultura popolare di questo paese,eseguite come canzonette rock’n roll da quattro soldi.

Preghiera di Natale
De Gregori, ascoltaci, butta le stratocaster, elimina le diavoletto, non sono roba per te. De Gregori tu non sei il tipo da Estragon, non giocare a fare lo stooner alternativo perch¨ sei grottesco, non convinci nessuno, neanche i tuoi fan fissati che si sentono 10 volte di fila la donna cannone- ascoltami ti prego, riporta sul palco il pianoforte a coda. Ricomincia a farti le pere. ritrova te stesso

La musica etnica / la contaminazione / lultimo rifugio dei vigliacchi / la comunicazione. Si schiera subito, a muso duro, De Gregori nellultimo suo disco. Testi dove si esprime lo smarrimento ma anche la robusta resistenza umana. Un disco classico, nel solco della tradizione cantautoriale, degno del miglior De Gregori, dopo la pletora di inutili dischi dal vivo prodotti per un decennio. Un disco dove spiccano molti pezzi come la chiacchierata Il cuoco di Sal², che emerge non per le inutili polemiche ma per lottima produzione di Franco Battiato e per lintenso verso: Che qui si fa l’Italia e si muore / Dalla parte sbagliata / in una grande giornata si muore / In una bella giornata di sole /Dalla parte sbagliata si muore. Altra produzione eccellente ¨ quella del premio oscar Nicola Piovani, che arrangia con finezza, Natale di seconda mano.
De Gregori offre anche un omaggio allo scomparso Fabrizio De Andr©, incidendo Canzone per lestate, scritta con lamico ormai quasi trentanni fa (1973-1974) per lottimo Volume VII.
Un disco in delicato equilibrio tra ragione e sentimento. Ecco il Sior Capitano che non ¨ pi¹ il nobile comandante del Titanic ma forse un oscuro scafista, che per² raggiunge la riva.
Due canzoni dellalbum non sono scritte da De Gregori e questa, se ci eccettuano le incursioni live, ¨ la prima volta che De Gregori interpreta pezzi non suoi. Due canzoni che, comunque, sono pi¹ Degregoriane (si dir  cos¬?) di quelle scritte da De Gregori stesso. Sono Spad VII S2489, legata alla morte di Francesco Baracca, destino e alla magia del volo; mentre Quando e qui occhieggia ai vaniloqui televisivi e non.
Musicalmente lalbum offre molto suono acustico tra chitarre, pianoforte e archi. Un suono che accarezza le parole pur permettendosi un divertente country o qualche accenno di folk-rock elettrico. Lombra di Dylan ¨ sempre pi¹ lunga e si staglia su tutto lalbum che nulla concede alle sonorit  contemporanee, coerente fino in fondo con il verso della prima canzone. Un album con quasi la met  dei brani che raggiungono leccellenza armonica. Un ottimo lavoro.

Stefano Gorla

– AMORE NEL POMERIGGIO (2001) Il colpo di reni prima della caduta. Lo ascoltai e gridai al miracolo, tutti brani di ottimo livello, œIl cuoco di Sal² (arrangiata e prodotta per² da un certo Franco Battiato) e œSempre e per Sempreœ sono due capolavori che reggono il paragone con le pietre miliari dell˜artista, bello anche il tour.
– PEZZI (2005) Linesorabile discesa. Quello che chiunque si sarebbe aspettato da un cantautore in declino, canzoni dignitose, nessuna particolarmente valida, ma con lo stile di De Gregori che si percepisce ancora.
– CALYPSOS (2006) L’evitabile fine. Generalmente ¨ inevitabile, questo invece ¨ uno dei pochi casi in cui poteva essere scampata. Praticamente un suicidio artistico.

http://www.sonymusic.it/degregori/

Recensito da TEDDI
postato da: teddi82 alle ore 02:44 | link | commenti (27)
categorie: de gregori
sabato, 18 febbraio 2006